Blog: http://nilus.ilcannocchiale.it

ottavio, il nostro amico, quello che legge focus e adora piero angela e i suoi calzini bianchi

ottavio ha 32 anni, una vita dignitosa, un botolo di cane che abbaia in continuazione, un appartamento di proprietà e un obiettivo nella vita, diventare concessionario di macchine usate

il perché proprio macchine usate non si riesce a capire, se non per il fatto che qualche amico calabrese e qualche altro amico albanese ogni tanto bussano alla sua porta proponendogli qualche super-affarone, tipo una regata dell’85 o una 131 “direttamente importata” dall’algeria

ottavio è minuto, stempiato, ha occhi azzurri e le smagliature sul sedere, ricordo di un suo enorme dimagrimento una decina di anni fa

 

ottavio ha una parete piena di poster di cinemattori e cinemattrici e un grande specchio, in cui cerca di riproporre la stessa mimica di buster keaton, lo sguardo da bello e dannato di james dean e, perché no, anche il viso fieramente in lacrime di vivian leigh mentre pronuncia la sua famosa frase sulla nottata che dovrà passare

 

ottavio è uno di noi, quello che se vai fuori a bere qualcosa gli danno il boccale di birra con una mosca dentro senza che lui ne chieda un altro

ottavio è quello che se si va in giro si usa sempre la sua macchina e nessuno caccia mai una lira per la benzina

ottavio è quello che mette sempre la casa per le feste e alla fine la casa diventa un porcile con i muri sporchi di vomito e vino rosso e nessuno si ferma mai a pulire

ottavio è quello che va a spendere il suo stipendio in vestiti all’ultima moda facendo sempre la figura del grezzo, mentre il luke perry-dylan della situazione si veste al mercato e rimorchia un sacco di donne

 

ottavio è uno di noi, e che nessuno si permetta di prenderlo per il culo, che sennò chiamo sua madre                                                                                                                                                

Pubblicato il 18/11/2003 alle 19.17 nella rubrica i racconti di mio cuggino.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web